Un diario di cose celesti

Chi siamo? Perché?

E-ELT, il telescopio estremamente grande

27 Jan 2013 07:44 PM – Michele Diodati

L’Osservatorio Europeo Meridionale (ESO) sta progettando la costruzione di quello che - se davvero sarà costruito - sarà il più grande telescopio del mondo. Il progetto originale prevedeva uno specchio primario da 42 metri con un'area utile di circa 1300 metri quadri. Il prezzo proibitivo, previsto in 1.275 milioni di euro, ha costretto a rivedere il progetto al ribasso. Lo specchio primario sarà così un po' più piccolo: 39,3 metri di diametro per 978 metri quadri di area di raccolta della luce. Ciò farà scendere il costo totale dell'impresa a 1.055 milioni di euro.

L'Osservatorio sorgerà in Cile, a Cerro Armazones, una località a 20 km dalla sede del Very Large Telescope, a un'altitudine di 3.060 metri. Se tutto andrà secondo i piani, la prima luce è prevista per l'inizio del prossimo decennio.

Le caratteristiche del nuovo telescopio gigante dell'ESO, a giudicare dal trailer, saranno a dir poco impressionanti:

  • raccoglierà quindici volte più luce rispetto ai maggiori telescopi oggi in attività;

  • le sue immagini saranno quindici volte più nitide di quelle prodotte dal telescopio spaziale Hubble;

  • sarà in grado di vedere pianeti simili alla Terra in orbita intorno ad altre stelle;

  • permetterà di studiare in grande dettaglio pianeti extrasolari di tipo gioviano;

  • consentirà di spingere lo sguardo indietro nel tempo fino all'epoca della formazione delle prima galassie;

  • renderà possibile misurare direttamente l’accelerazione dell'espansione dell’Universo.

L'E-ELT avrà inoltre un design innovativo, basato su cinque specchi. La struttura complessiva del telescopio peserà 2.700 tonnellate e la cupola che proteggerà gli strumenti avrà un diametro di 86 metri: quasi quanto un campo da calcio.

Gli 800 segmenti che formeranno lo specchio primario avranno ciascuno un diametro di 1,4 metri, ma uno spessore di soli 50 millimetri. Lo specchio su cui sarà montato il sistema di ottiche adattive avrà la capacità di deformarsi 1000 volte al secondo, in modo da annullare l'effetto di sfocatura causato dall'atmosfera terrestre.

Riferimenti

Tag: ESO, articoli, E-ELT, telescopi

Condividi post

La tua opinione

comments powered by Disqus
Powered by Disqus
Condividi questa pagina Facebook Twitter Google+ Pinterest
Segui questo blog